Per proteggere i dipendenti, dovete innanzitutto studiare soluzioni collettive come la cappottatura dei macchinari o l'isolamento acustico. Se non potete intervenire sul livello di rumore globale, dovete fornire dei dispositivi di protezione individuale contro il rumore (DPI-u).

Qual è il DPI-u che meglio risponde alle vostre esigenze?

Clicca sull'immagine o su questo link per visualizzare la grafica del computer a grandezza naturale.

Cos'è un DPI-u?

Si tratta di un dispositivo di protezione individuale per l'udito. Grazie alle caratteristiche di attenuazione acustica, riduce gli effetti nocivi del rumore sull'udito e ne previene il deterioramento.

Esistono 4 grandi famiglie di DPI-u:

  • Le cuffie a conchiglia: si posizionano sulle orecchie e le due parti sono collegate da un archetto che passa sopra la testa.
  • I tappi con archetto: si posizionano all'inizio o all'interno del condotto uditivo. Una fascia di plastica rigida ne mantiene il posizionamento.
  • I tappi auricolari modellabili: si introducono direttamente nel condotto uditivo.
  • I tappi antirumore modellati o protezioni uditive su misura: sono creati a partire da un'impronta delle orecchie dell'utilizzatore. Queste protezioni sono poi fabbricate in silicone o in resina acrilica.

L'importanza della protezione dell'udito

La legislazione identifica due soglie di esposizione quotidiana per cui l'utilizzo dei DPI-u è:

  1. Consigliato a partire dagli 80 dB(A) su 8 ore
  2. Obbligatorio per tutta la durata dell'esposizione a partire dagli 85 dB(A) su 8 ore

Gli effetti diretti del rumore sulla salute comprendono perdita dell'udito, acufeni e ipoacusia. Ci sono anche effetti indiretti come problemi cardiovascolari, vertigini e stress. La vostra azienda va incontro inoltre a una riduzione della produttività e a un aumento degli infortuni sul lavoro dovuti a una scarsa attenzione.

Indipendentemente dal DPI-u che scegliete, è fondamentale proteggere l'udito dei vostri dipendenti e fare in modo che questi ultimi indossino le protezioni per tutta la durata dell'esposizione al rumore.

Come scegliere la protezione uditiva giusta?

Al momento della scelta, bisogna prendere in considerazione 8 criteri:

1. Adattamento dell'attenuazione acustica

Non è detto che una protezione a elevata attenuazione sia maggiormente efficace. Il lavoratore deve percepire l'ambiente di lavoro: allarmi, segnali di sicurezza lanciati dai colleghi. Deve potere ascoltare le istruzioni e comunicare in totale sicurezza, ossia senza togliersi le protezioni uditive.

Quindi il DPI-u deve, secondo la norma EN 458, ridurre a 72 dB(A) il livello sonoro percepito dal lavoratore.

Per esempio, la signora Piaggio lavora in un reparto a 90 dB(A): è sconsigliato fornirle un DPI-u con attenuazione di 35 dB. È meglio proporle protezioni con un SNR compreso tra i 15 e i 20 dB.

Aree di attenuazione ideali

La scelta dell'attenuazione acustica prende in considerazione il materiale, la struttura ma anche le specificità individuali. Perciò a un dipendente che presenta già una perdita dell'udito non verrà necessariamente proposta la stessa attenuazione proposta a un collega che non presenta perdite dell'udito, anche se lavorano sullo stesso macchinario e nello stesso reparto.

2. Compatibilità con altri DPI

Doppia protezione contro il rumore

In alcune situazioni, indossare un DPI-u non è sufficiente per garantire una protezione totale contro i rischi legati al rumore. Quando l'intensità sonora della fonte è molto elevata, può rendersi necessario indossare due protezioni, ossia una doppia protezione. Infatti, in alcuni luoghi di lavoro, il livello del rumore ambientale può raggiungere e addirittura oltrepassare i 115 dB(A). In questo caso, l'intensità sonora percepita indossando le protezioni è molto spesso superiore al limite consentito. Per contrastare questi casi di esposizione estrema, è possibile indossare protezioni uditive su misura sotto le cuffie, per esempio.

Compatibilità con altri DPI: occhiali, caschi, ecc.

Altre situazioni richiedono l'utilizzo simultaneo di due DPI a protezione di diverse parti del corpo. Per esempio, in reparti rumorosi che presentano il rischio di proiezione di materiali pericolosi, è necessario indossare le protezioni uditive unitamente agli occhiali di sicurezza. Nei cantieri, i lavoratori devono essere in grado di indossare i DPI-u con il casco.

Se nella vostra azienda sono presenti condizioni specifiche che richiedono l'utilizzo di più protezioni, la compatibilità con tali DPI è fondamentale!

3. Comfort

I vostri dipendenti devono dimenticarsi che indossano delle protezioni. Devono indossare automaticamente le protezioni e non pensare neppure per un istante a non portare i loro tappi antirumore. Per questo, dovete fornire protezioni che offrano il massimo comfort in modo che queste vengano indossate per tutta la durata dell'esposizione al rumore.

4. Igiene

Tutti i tipi di DPI-u sono a contatto con la pelle. L'igiene e la manutenzione delle protezioni uditive è quindi un fattore essenziale da considerare. Come pulirle? Con quale frequenza? Il lavoratore potrà utilizzarle direttamente o dovrà prima lavarsi le mani? Queste sono le domande che dovete porvi per scegliere la giusta protezione.

5. Salute

Il lavoratore è allergico ad alcuni componenti? È soggetto a irritazioni della pelle? Soffre già di perdite dell'udito?

6. Facilità di utilizzo

I DPI-u che fornirete non devono essere vissuti come un obbligo da parte del lavoratore. Devono perciò essere facili da posizionare e da utilizzare. Più l'utilizzo sarà semplice, più velocemente questi dispositivi verranno adottati e richiesti dal lavoratore.

7. Adattabilità all'ambiente lavorativo

Per scegliere la protezione individuale antirumore, dovete anche considerare l'ambiente di lavoro. Temperatura del reparto, tasso di umidità, ecc. Per esempio, in un reparto dove ci sono 25 °C, l'utilizzo delle cuffie favorirà la traspirazione, cosa che minerà il comfort dei lavoratori e, di conseguenza, il fatto di indossare la protezione per tutta la durata dell'esposizione al rumore.

8. Certificazione CE

Ultimo aspetto, ma non meno importante: i DPI-u devono essere certificati CE in accordo con la norma EN352-2. Dovete avere la conferma di questa certificazione richiedendo l'attestato CE al vostro fornitore.

Fate attenzione nel caso di protezioni uditive su misura. È importante sottolineare che tutto il dispositivo deve essere certificato, ossia tappo e filtro. Perciò se un fornitore fabbrica i tappi ma acquista i filtri da un altro produttore, deve ottenere un nuovo attestato CE per tutto il dispositivo. Non deve fornirvi solo gli attestati CE relativi ai filtri.

 

Vota questo articolo

5 1 1 1 1 1 Punteggio medio 5.00 (2 I voti)